Libri per non dimenticare

volo_saraLa Shoah è una tragedia troppo grande per un bambino.
Ma è un fatto realmente accaduto che deve essere ricordato proprio per scongiurare il pericolo che si ripeta.
Il “Volo di Sara” racconta la dolce amicizia tra una bambina e un pettirosso.
Un volo per portare i bambini lontani dalla paura e dalla tragedia.
Un volo per raccontare anche ai più piccoli cosa è successo e cosa non deve succedere mai più.

Il volo di Sara
Lorenza Farina
Ed. Fatatrac

____________________

diario_helgaHelga Weiss è una delle voci che ci permettono di sapere, di conoscere la verità.
Di entrare in quei posti tremendi che sono stati i campi di concentramento nazisti.
Helga scrive il suo diario durante la prigionia nel campo di Vught.
È una ragazza di 18 anni e scrive a Kees, il ragazzo con cui ha avuto una storia d’amore e che non rivedrà mai più.
Racconta le atrocità, le umiliazioni, la sua forza che vacilla davanti alla grandezza della tragedia, ma ha una certezza: “Questa è una cosa che non va più dimenticata”.
Grazie ad Helga possiamo ricordare e riflettere.

Il diario di Helga
Helga Weiss
Ed. Einaudi

____________________

repubblica_farfalleLa storia che ci racconta Matteo Corradini in “La Repubblica delle farfalle” è quella di un gruppo di ragazzi e della loro permanenza a Terezin, una città-fortezza della Repubblica Ceca che venne trasformata in campo di transito per Ebrei destinati ai campi di concentramento e allo sterminio.
Terezin veniva utilizzato anche per la propaganda nazista trasformandosi in un vero e proprio set cinematografico che raccontava di quanto fosse bello vivervi. In realtà nulla si poteva raccontare di quello che accadeva lì dentro, ma un gruppo di ragazzi decide di sfidare le regole e ci lascia, attraverso le pagine della rivista clandestina Vedem, un’immagine precisa di cosa fosse la vita reale a Terezin e di quanto fosse drammatica.

La repubblica delle farfalle
Matteo Corradini
ed. Rizzoli

____________________

memoria_liberiEnrico Mentana raccoglie in questo libro la testimonianza di una sopravvissuta.
Liliana aveva 8 anni quando ha varcato il cancello dell’orrore, quando la cattiveria umana ha deciso di toglierle la gioventù.
Un racconto emozionante su uno dei periodi più bui della nostra storia moderna.
Soprattutto un invito a non chiudere gli occhi davanti agli orrori di ieri e di oggi, perché “la chiave per comprendere le ragioni del male è l’indifferenza: quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore”.

La Memoria rende liberi
Enrico Mentana – Liliana Segre
ed. Rizzoli

403 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *