Lisbona. Quello che il turista deve vedere

IMG_3652

Quest’anno per le vacanze il primo libro che ho messo in valigia è stato Lisbona. Quello che il turista deve vedere di Fernando Pessoa.
Andare a Lisbona con una guida così speciale mi è sembrata la cosa giusta da fare.
Pessoa, poeta e autore portoghese tra i più famosi, ha scritto questo libro nel 1925 ed è una vera e propria guida turistica della città di Lisbona.
Il poeta accoglie il turista che arriva via nave e lo porta in giro per la città, raccontando la storia di Lisbona, i suoi monumenti più importanti, lo accompagna dentro l’Alfama, il quartiere popolare di Lisbona, tra strade strette e cantanti di Fado.
Pessoa racconta i colori dei palazzi con le facciate ricoperte dalle azulejos, descrive il profumo delle sardine alla brace e del cibo portoghese che si cucina nelle case e nei ristoranti di Lisbona.
Ho letto questo libro sull’aereo, in una sorta di avvicinamento alla città ed è stato bello scoprire, una volta scesa, che, nonostante i suoi 90 anni, questo libro è ancora attualissimo. Vedere dal vivo i colori descritti da Pessoa, sentire davvero quei profumi e lasciare andare lo sguardo, dalla cima di uno dei colli su cui è costruita Lisbona, verso il blu del cielo e l’oro del sole, per poi posarlo su questa città così viva e affascinante.
Il tram 28 mi ha portata in giro per la città, tra salite ripide e strade strettissime, tra i colori dei palazzi, il caldo del sole d’agosto e l’ombra dei posti più nascosti.
Il tram 28 mi ha portata anche al Caffè La Brasilera, dove Pessoa scriveva i suoi versi e dove adesso c’è una statua in suo onore.
È molto turistico, lo so, ma non potevo rinunciare ad una foto con Lui.

lisbonaLisbona. Quello che il turista deve vedere
Fernando Pessoa
Einaudi

328 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *