SAGGIO: Trattato sui vini

trattato_viniIn questo piccolo trattato si fondono insieme alchimia, scienza e medicina.
L’autore, Arnaldo da Villanova, medico, alchimista e naturalista, attivo nella seconda metà del XIII secolo, ci spiega le proprietà e le virtù del vino medicamentoso.
Il vino nel medioevo era ben più apprezzato dell’acqua, perchè più puro, meno contaminato e ricco di sostanze preziose per la salute.
Un buon vino, proveniente cioè da una pianta sana, da un buon terreno, da un corretto affinamento e una perfetta conservazione, è un vero rimedio per molti malanni e un ottimo strumento di prevenzione:
“Facciamo l’elogio del vino della buona vite, utilizzato per la preparazione dei vini medicamentosi […] Le ricette che proponiamo devono essere osservate a regola d’arte. Bisogna iniziare con la scelta del mosto di vino bianco proveniente da un buon terreno. […] Procediamo sigillando in un vaso di buon legno, come altri vini, dove svilupperà e migliorerà secondo natura, cosa chiara per esperienza. […] perciò quando il vino è utilizzato secondo tempi e modi opportuni, la natura rinvigorisce e resiste meglio alla malattia.”

Nel suo trattato Arnaldo ci consegna ricette per il vino d’oro, il vino cordiale, per il vino detergente, il vino estivo e molte altre. Ricette da seguire alla lettera per avere il risultato migliore. E un consiglio:
“il vino è adatto a tutte le età, periodi, regioni<: giova particolarmente agli anziani, […] è cibo per i giovani perché la natura del vino è simile a quella del giovane. […] Ugualmente è cibo per i bambini […] è medicina per le donne […].”

Trattato sui vini
Arnaldo da Villanova
Armillaria

547 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *